Milano Fashion week : La critica di Armani su D&G

Siamo ormai giunti al termine della fashion Week Milanese, domani infatti sarà l'ultimo giorno.

Nella capitale della moda italiana sono state presentate in questi giorni più di cento collezioni, in questi giorni abbiamo visto sfilare Gucci, Alberta ferretti, Moschino, Iceberg, Bottega Veneta, Armani, Dolce & Gabbana e tanti altri.
Ma non è delle collezioni che stasera voglio parlarvi. Tra le polemiche che hanno animato la settimana della moda c'è n'è una che mi ha colpito, ed è quella di Giorgio Armani che critica senza mezzi termini il "barocco" di Dolce & Gabbana.

Per la sua sfilata Armani, al contrario di D&G, sceglie linee decise e rigorose, sceglie di dare risalto all'essenzialismo attraverso il nero e piccoli dettagli che illuminano e completano la collezioni fino ad esplodere nei cappelli, particolari, eccentrici, punto focale della collezione.




Eppure non tutti hanno amato i cappelli indossati dalle donne di Armani, e a queste critiche lo stilista ha risposto così  "Se qualcuno dice che il mio cappello è pesante, cosa bisognerebbe dire delle coroncine d'oro che hanno sfilato ieri? Se mi criticate io non sfilo più!".

"Non voglio dire male di nessuno - continua Armani in conferenza stampa
ma la moda che è solo show fa male alla moda. Ma a cosa serve lo spettacolo dell'Antica Bisanzio? Sono esibizioni teatrali, un conto è fare moda da vendere. Noi stilisti dobbiamo fare vestiti che la clientela può comprare in negozio, solo così possiamo vincere la concorrenza. Certi stilisti lavorano solo per andare sui giornali e compiacere il travestimento degli addetti ai lavori".
-->



Con queste parole Lo stilista non nasconde la sua disapprovazione per la sfilata D&G.
Voi cosa ne pensate?
Giorgio Armani ha ragione o è stato troppo duro nei confronti della sfilata Dolce&Gabbana?
Sta di fatto che la sua reazione da "io non sfilo più" ricorda molto il bambino che non accetta rifiuti!

Baci Baci, UptownGirL

Sabina Petrazzuolo

Lifestyle Blogger - Segni particolari: Ecclettica. Classe 1988, storica dell'arte e esperta di comunicazione digitale, amante dei viaggi, della moda e della cultura.
Delle mie passioni ne ho fatto un lavoro e dopo anni di formazione ed esperienze professionali attualmente lavoro come freelance seguendo startup e aziende di settore. Nel "tempo libero" mi dedico alla scrittura, oltre a scrivere ed editare articoli su Uptowngirl Blog collaboro con testate giornalistiche e magazine. Mi trovate con un macbook in una mano e la valigia nell'altra, pronta a scoprire nuovi luoghi, tradizioni e culture, conoscere nuova gente e nuovi sapori.

Ho trasformato la mia vita in una storia che racconto ogni giorno su Uptowngirl.it

9 commenti:

  1. Cute!

    Come visit me soon! I actually just posted and think you're going to like it (I hope)!

    xx

    RispondiElimina
  2. Una delle mie sfilate preferite in assoluto!

    RispondiElimina
  3. Armani è un rosicone! hahahahaha

    RispondiElimina
  4. Per me la verità sta nel mezzo. Nel senso che è vero che da un lato talvolta le sfilate sono poco "realiste" e i vestiti che mettono in scena sono talmente eccessivi da essere adatti solo al mondo dello spettacolo, però è anche vero che è proprio da quegli eccessi che poi si sviluppano tendenze più vicine alla portata di tutti, che poi arrivano su marche più accessibili. (io ora come ora non posso comprare nè Armani nè D&G)

    Secondo me ha sbagliato a difendersi criticando a sua volta qualcun'altro. Doveva dire "pensate che i miei capelli siano pesanti? Non li comprate!" e non "sono pesanti? allora guardate quello, quello e quello"

    RispondiElimina
  5. Trovo che ogni stilista debba accettare soprattutto le critiche.
    Alla fine sono quelle che aiutano a capire cosa piace di più al pubblico.
    Se si è comunque sicuri di ciò che si propone, si va avanti per la propria strada, senza mettersi in termini di paragone con gli altri.
    Almeno , io la penso così.=)

    http://lalloslndingfashion.blogspot.it/

    RispondiElimina
  6. Le critiche fanno parte del gioco e Armani dovrebbe saperlo bene visto che questo mestiere lo fa da decenni. La sfilata di D&G è stata eccessiva per certi versi ma sicuramente spettacolare, ma poi quando mai in passerella si sono visti vestiti portabili nella vita reale??? Per anni e anni le passerelle sono servite solo per dare spettacolo, non capisco di cosa si lamenti Armani.

    http://lowbudget-lowcost.blogspot.it/2013/02/zara-vs-valentino-accessories.html

    RispondiElimina
  7. che dire...una querelle alla moda!! Non mi è affatto piaciuta la frase di Re Giorgio "non sfilo più"..un pò infantile come affermazione! Questo il mio punto di vista! A me sono piaciute entrambe le collezioni...
    Baci
    passa da me se ti va..nuovo post
    http://thewindowofmaryfashion.blogspot.it/2013/02/1993-2013-20-anni-di-patrizia-pepe.html
    The window of Maryfashion

    RispondiElimina
  8. ciao, se ti va passa da me....

    RispondiElimina
  9. bel post!
    ti seguo volentieri
    ti andrebbe di seguire anche me?

    hegles.blogspot.it

    RispondiElimina

Grazie per i vostri commenti!

Barra video

Loading...