Scervino: sfilata in libertà e accostamenti glamour

Lo stilista fiorentino ha sfilato mar 23 giugno 2015 nel magnifico e neoclassico Palazzo Serbelloni a Milano.

Per la sua collezione primavera estate 2016 Scervino si abbandona ad una dimensione glamour degage'.
Vediamo subito contaminazioni inusuali: il colore rosa, scaccia pensieri negativi, sfila leggero fra un pantalone mimetico ed una giacca pied-de-poule. Lo stilista spiega che "esiste un rosa non femminile" e che " oggi la moda maschile ha bisogno di sentirsi più coraggiosa".


La collezione dunque osa, non solo il rosa carne e il celeste delle maglie e delle maxi borse, ma molti accostamenti azzardati - come le giacche in macro pied-de-poule accoppiate ai pantaloni mimetici - e tanti dettagli molto liberi.
"Viva la libertà dell'infradito in città", dice lo stilista, ricordando che "gli antichi romani indossavano i calzari, simbolo di mascolinità".

La sfilata di Scervino per Milano Fashion Week ci colpisce anche per l'uso elegante e insieme rilassato delle fibre naturali: giacche a taglio vivo in lino spazzolato con collo a doppiopetto, vagamente militari -con il vezzo di un fiore ricamato o una nappina napoleonica (che Scervino adora!) si alternano a leggeri imbottiti estivi, ai blazer occhio di pernice indossati con i bermuda sabbia o sui pantaloni gessati portati oltremodo lunghi, con gli infradito o i mocassini a tallone ripiegato.

Si nota anche la pelle color verde oliva dei giubbotti accostati inusitatamente ai jeans in denim damasco, ci sono anche i completi sartoriali tagliati in blu goffrato e luminoso. Si vedono tanti motivi a righe regimental che attraversano in diagonale anche i maglioni.
La maglieria e' usata in maniera rilassata ma spinta, con accenni di paillettes e cristalli per un uomo che decide di osare e non teme le critiche.

Questo è l'uomo di Ermanno Scervino.







Sabina Petrazzuolo

Blogger di Uptowngirl.it - Segni particolari: Ecclettica. Classe 1988, storica dell'arte e esperta di comunicazione digitale, amante dei viaggi, della moda e della cultura.
Delle mie passioni ne ho fatto un lavoro e dopo anni di formazione ed esperienze professionali attualmente lavoro come freelance seguendo startup e aziende di settore. Nel "tempo libero" mi dedico alla scrittura, oltre a scrivere ed editare articoli su Uptowngirl Blog collaboro con testate giornalistiche e magazine. Mi trovate con un macbook in una mano e la valigia nell'altra, pronta a scoprire nuovi luoghi, tradizioni e culture, conoscere nuova gente e nuovi sapori.

Ho trasformato la mia vita in una storia che racconto ogni giorno su Uptowngirl.it

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per i vostri commenti!

-->

Barra video

Loading...