Flook. Il confine tra storia e realtà.

Da diversi mesi ormai si parla di storytelling, quanti di voi conoscono questa parola? e quanti utilizzano quest'approccio nella vita e/o nel lavoro?
Io, essendo titolare di un agenzia di comunicazione, vivo di storytelling e, da pochi giorni ho scoperto un nuovo strumento sensazionale, voglio segnalarvelo: Flook.

Il 1 Dicembre è stato lanciato Flook, un nuovo genere di storytelling multimediale e personalizzabile, un incubatore di talenti che scrivono, raccontano e immaginano storie che il lettore può personalizzare.

Flook consente di generare delle storie uniche, cucite appositamente sul lettore che può aggiungere e modificare interi capitoli aggiungendo ricordi ed emozioni personali, inserendo fotografia e musica...entrando nel vivo nella storia con i propri sentimenti.

Ogni opera inoltre è protetta da privacy, solo il singolo lettore può accedere alla "sua" opera e scegliere se e con chi condividerla. Vi ho incuriositi?


Non c'è tempo e non c'è storia predefinita, la vostra storia siete voi, solo con Flook!
La prima storia online è "Tu sei ossessione"di Federico Moccia e il secondo flook in prepaazione è il "piccolo principe".





Il primo Flook è disponibile gratuitamente a questo link, io ho già scaricato il mio e non vedo l'ora di condividerlo con voi!



Buzzoole

Sabina Petrazzuolo

Italian Lifestyle Blogger - Nata sotto il legno del leone. Confusionaria e confusa, eclettica per dirlo elegantemente. Amante dei fiori e del colore rosso sogna una vita vista mare immersa nei colori dell'autunno e negli addobbi di Natale. Storica dell'arte, digital project manager e blogger, si occupa di formazione e consulenza per l'avvio di progetti digitali. Vive delle sue passioni e le racconta su Uptowngirl.it 

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per i vostri commenti!

//]]>