Dal direttore | Tempo di Fashion Week.



Questo è il periodo dell'anno che più amo, ma mai questa volta sono ad odiarlo.

E' tempo di Fashion week: Londra, Parigi, Milano, Firenze e poi Roma (!?). Eventi stratosferici, sfilate, sorrisi falsi, selfie e influenza. Eh già, perché questo è proprio il periodo peggiore per malanni vari che ti costringono a letto quando tutte le più fighe e fashion addette ai lavori sono lì a fotografare ogni splendido dettagli dello loro mise, con scollature che farebbero ammalare chiunque anche solo a guardarle.
E quindi oltre al danno la beffa.



Eppure mi sono coperta giuro.


Lo ammetto, non dovrei dirlo ma non trovo particolarmente affascinante la Moda Uomo, questo è il motivo per il quale i miei capelli sono ancora saldamente attaccati alla mia testa, ma di fondo non c'è influenza che tenga si sa!
Il problema maggiore di questo periodo è proprio il periodo. Insomma, uno si rilassa così tanto durante le feste di Natale che rimanda (trascura?!) lavoro e appuntamenti vari, poi ricomincia e TAC, partono a raffica queste settimane della moda.
Ma come si fa?
Per vivere bisogna lavorare, non si può campare di soli selfie, o meglio, io non posso farlo!

Però carino questo Pitti Uomo, ci sono sempre i soliti noti sulle fotografie, e anche qualche gradevole sorpresa. Poi beh, ho visto il servizio del tg5 dedicato alla manifestazione e a tutte le novità di Invicta, mi sono accertata della presenza di Mariano Di Vaio e di qualche (s)fashion blogger che si infila un po' ovunque per farsi fotografare e la mia giornata si è rallegrata.
Ma di che mi lamento?

Tachifluidec a parte, una capatina a Milano la faccio, non per le sfilate s'intende!Tra fiere ed eventi trovo anche io il mio posto per il mondo e mi preparo per Roma.
"E il finale è una sorpresa". Già, non ho proprio idea di quel che ne sarà di questa edizione di AltaRoma ma la speranza è l'ultima a morire e poi boh, mi dedico al mio lavoro.





Mi sembra davvero tutto!
E anche il secondo articolo della rubrica che mi sono autodedicata è scritto!
So proud!
See you soon!
S.

Sabina Petrazzuolo

Lifestyle Blogger - Segni particolari: Ecclettica. Classe 1988, storica dell'arte e esperta di comunicazione digitale, amante dei viaggi, della moda e della cultura.
Delle mie passioni ne ho fatto un lavoro e dopo anni di formazione ed esperienze professionali attualmente lavoro come freelance seguendo startup e aziende di settore. Nel "tempo libero" mi dedico alla scrittura, oltre a scrivere ed editare articoli su Uptowngirl Blog collaboro con testate giornalistiche e magazine. Mi trovate con un macbook in una mano e la valigia nell'altra, pronta a scoprire nuovi luoghi, tradizioni e culture, conoscere nuova gente e nuovi sapori.

Ho trasformato la mia vita in una storia che racconto ogni giorno su Uptowngirl.it

1 commento:

Grazie per i vostri commenti!