Tra sapori e antiche tradizioni romane: il carciofo

Ho la cucina napoletana nel cuore, e non solo lì.
Ma chi mi conosce sa benissimo che amo esplorare le tradizioni gastronomiche di ogni luogo che visito o che frequento.
Questa volta non mi sono allontanata poi tanto, sono a Roma ed è qui che il carciofo alla giudia è il piatto plus di molti ristoranti e trattorie locali. 
Ma facciamo un passo indietro e parliamo di questa pianta a uso alimentare dalle tantissime proprietà benefiche e culinarie.
Che sia alla siciliana, alla giudia o alla romana io il carciofo lo mangio in tutte le salse ma non solo, lo bevo anche. Forse non tutti sanno che l'acqua di cottura dei carciofi, terribilmente amara, ha in realtà tantissime proprietà benefiche. Quindi stiamo parlando di un ortaggio che sia nel settore alimentare che in quello erboristico/medicinale non ha eguali. 
Ma torniamo a parlare del carciofo e dei suoi usi in cucina.



A quanto pare non sono l'unica estimatrice di questo ortaggio così generoso dal cuore tenero. Amélie nel suo favoloso mondo lo citava, Pablo Neruda a lui ha dedicato addirittura un Ode.
Il Carciofo dal tenere cuore si vestì da guerriero

Unico nella forma, così come nel sapore, il carciofo si presta ad essere cucinato in tantissimi modi e si sposa perfettamente con diversi abbinamenti, dalla carne al pesce.

Perché oggi vi parlo del carciofo tra sapori e antiche tradizioni romane?
Alcuni giorni fa ho avuto il piacere di conoscere per la prima volta "La Reginella", un ristorante che deve la sua fama alla scelta della cucina kosher che accompagna la tradizione gastronomica giudaica romanesca.
Durante il pranzo non sono mancati piatti della tradizione a volte reinventati e altre volte ripresi fedelmente, sempre in rispetto delle regole della kasherut, preparati esclusivamente con carne e pesce kosher.
Tra gli ingredienti primari non è mancato il carciofo appunto, ed è stato lì che non  ho potuto far altro che innamorarmi ancora di più di questo ortaggio.
Per le ricette, rimando ai miei colleghi food blogger, io intanto però qualcosa sul ristorante e sul delizioso pranzo ve la voglio raccontare.

Carciofo alla Giudia, dove mangiarlo a Roma.

Immerso nel cuore pulsante della Capitale, all'interno del ghetto ebraico di Roma, da pochi mesi ha aperto La Reginella, ristorante Kosher che promette di mantenere in vita i sapori della cucina giudaico - romanesca, fatta di piatti poveri ma estremamente gustosi. E' qui che vi consiglio di ordinare uno dei più buoni carciofi alla Giudia che io abbia mai mangiato.
Durante il pranzo organizzato presso La Reginella ho avuto modo di provare il carciofo alla giudia, quello fritto ma anche quello con bottarga. Non sono mancate le tartare di pesce e il carpaccio di ricciola.
Per ultimo e non per sapore, una deliziosa carbonara con carciofo e carne essicata.
Ad accompagnare il pranzo, una selezione dei migliori vini italiani ed israeliani.


A proposito di carciofo...
lo sapevate che in California c'era un concorso di bellezza che incoronava Miss Carciofo? Nel 1946 a vincere il concorso è stata Marilyn Monroe.
Insomma è proprio il caso di dirlo: Viva il Carciofo!







Sabina Petrazzuolo

Blogger di Uptowngirl.it - Segni particolari: Ecclettica. Classe 1988, storica dell'arte e esperta di comunicazione digitale, amante dei viaggi, della moda e della cultura.
Delle mie passioni ne ho fatto un lavoro e dopo anni di formazione ed esperienze professionali attualmente lavoro come freelance seguendo startup e aziende di settore. Nel "tempo libero" mi dedico alla scrittura, oltre a scrivere ed editare articoli su Uptowngirl Blog collaboro con testate giornalistiche e magazine. Mi trovate con un macbook in una mano e la valigia nell'altra, pronta a scoprire nuovi luoghi, tradizioni e culture, conoscere nuova gente e nuovi sapori.

Ho trasformato la mia vita in una storia che racconto ogni giorno su Uptowngirl.it

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per i vostri commenti!

-->

Instagram

Barra video

Loading...