Professione Blogger: 5 errori da non fare

Io ho fallito (e non mi vergogno a dirlo).
E voi?
Quante volte l'abbiamo ripetuto a noi stessi nascosti nell'angolo più buio della stanza per far si che nessuno potesse ascoltarci? 
Perché io lo so, il fallimento rappresenta la paura più grande per tutti quando si avvia un nuovo progetto.


Parliamone. Magari avete aperto un blog tre anni fa e non avete mai ricavato un solo euro dal vostro progetto o peggio, non siete mai riusciti ad aprirlo nonostante abbiate pianificato la cosa per procastinazione o ancora avete un blog ma è abbandonato a se stesso perché non frutta come vorreste.

E allora si, non devo essere io a dirvi che in questo caso avete fallito.

Ma aspettate un momento!!!

Il fatto che abbiate fallito, non vuol dire che siete dei perdenti anzi avete un vantaggio: siete più forti e coscienti di chi invece non ha mai fallito. Identificate l'errore, risolvetelo e ricominciate.


Professione Blogger: 5 errori da non fare


Chi fallisce ha una marcia in più: ha già visto cosa non ha funzionato e non sbaglierà di nuovo.


Ma perché vi dico questo? Perché anche io ho fallito e non ho vergogna ad ammetterlo.
Anzi vi dirò, è solo nel momento in cui ho capito che avevo sbagliato tutto  ho iniziato la scalata verso il successo senza fermarmi più.

Qui vi racconto come HO GUADAGNATO 2700 EURO in un solo mese con il blog.

Sono sicura che il successo del mio corso "Come diventare blogger" sia dato anche dal fatto che la prima case history che porto e che studio insieme alle mie allieve riguarda proprio Uptowngirl.it.

Sono blogger dal 2012 ma monetizzo soltanto da due anni, il perché è presto detto: ho commesso diversi errori, due in particolare che un blogger professionista NON DEVE COMMETTERE MAI.



Quando si da' vita ad un progetto, sopratutto senza l'aiuto di un professionista è possibile commettere errori, alcuni di questi gravano pesantemente sui risultati finali. Questi errori possono essere dettati dalla distrazione, dalla mancanza di studio e formazione ma anche dalla paura. 

A proposito della "paura", attenzione perché questo stato d'animo può essere il più grande ostacolo nella realizzazione dei nostri desideri.


Vediamo insieme i 5 errori da non fare per diventare Blogger Professionista.



Se volete diventare dei blogger professionisti inevitabilmente vi imbatterete in una serie di difficoltà iniziali che potrebbero trasformarsi in errori in grado di compromettere il vostro successo nel settore. Prendete carta e penna e annotate con decisione i 5 errori da non fare assolutamente.

Non scrivete se NON AVETE NULLA DA SCRIVERE.

Sembra banale ma non lo è.
Quante volte ci siamo trovati a leggere contenuti assolutamente inutili e noiosi?
Dovete sapere che stiamo vivendo una fase di Content Shock, un punto dove la quantità dei contenuti creata è superiore al tempo che abbiamo a disposizione di leggerli. Capite quindi quanto è importante creare contenuti di altissima qualità? 
Scrivete solo se avete realmente qualcosa da dire, se quel contenuto può concretamente aiutare qualcuno, se avete davvero una storia da raccontare.
Insomma dovete farvi una semplice domanda e rispondere con sincerità: il contenuto che andate a pubblicare ha senso? Sta veramente comunicando qualcosa? Crea un valore?



SCRIVETE BENE altrimenti fate altro. 

Avete scelto la professione di blogger, intuendo giustamente che il blog come strumento di diffusione della vostra personalità può aiutarvi a raggiungere i vostri obiettivi.
Questo presume che abbiate familiarità con la tastiera e una conoscenza della scrittura del web, meglio ancora se avete studiato le tecniche Seo perché vi serviranno.
L'errore più grande che potete fare in questo caso è quello di scegliere la professione di blogger se non sapete scrivere.
Semplificando, la scrittura è un attitudine ed è il cavallo di battaglia di un blogger, così come la parlantina per i venditori e la fotogenia per i selfisti cronici. Prima di aprire un blog chiedetevi se davvero attraverso (e con) la scrittura sarete in grado di parlare e interagire con la vostra audience. In caso positivo, è il momento di studiare le tecniche di scrittura per il web e le pratiche Seo Oriented, in caso contrario mi dispiace dirvi che forse il blogging non fa per voi.


PRESENTATEVI in maniera chiara e ordinata. 


"Hello, my name is..."Il vostro blog così come i social network collegati ad esso saranno il vostro bigliettino da visita. Vi presentereste mai ad un colloquio di lavoro con una camicia senza un bottone? E una maglia bucata? E senza pettinarvi?
E allora perché avete un blog disordinato senza: categorie, tasto cerca, dominio di primo livello, sezione about, mediakit. Questi sono solo alcuni degli errori di presentazione più comuni che riscontro nei blog che non hanno successo.
Queste mancanze rendono difficoltosa la navigazione per gli utenti ma anche per le aziende. Un esempio? Senza una sezione about facilmente raggiungibile un'azienda arrivata sul vostro sito per chiedervi una collaborazione perderà la pazienza e non vi contatterà più affidando il lavoro ad un blogger più organizzato di voi.
Il dominio di secondo livello fa perdere autorevolezza al blog, oltre ad essere esteticamente discutibile. Potete acquistarlo su tophost a meno di dieci euro.
Volete diventare dei blogger professionisti? E allora dovete iniziare ad esserlo, a partire dalla presentazione del vostro blog.
Insomma basta poco no?


Ho lasciato per ultimi i due errori che colpiscono i blogger migliori e che impediscono loro di decollare.


PROGETTATE per mettere per iscritto i vostri sogni.

Le mie allieve mi chiamano per scherzo "la regina della carta e penna", hanno ragione. Se seguite le mie instagram stories probabilmente saprete già che a casa ho un'agenda giornaliera, un planner da scrivania e uno portatile, due blocknotes e un quaderno. Anche se non vivo senza macbook e ipad alla mano ho necessità di programmare e abbozzare i progetti personali e quelli dei miei clienti su carta. Questa attività mi consente di creare un contatto fisico tra i miei obiettivi e la loro realizzazione.
Eppure non è stato sempre così.
Quando ho aperto nel 2012 il mio lifestyle blog l'ho fatto esclusivamente per passione, amavo scrivere e lo facevo già per altri blog, parlavo di arte e di moda, avendo frequentato all'Università Storia dell'Arte e poi Comunicazione di Moda, e così ho pensato di aprire un blog tutto mio per parlare di ciò che conoscevo.
Le mie competenze nel digitale hanno facilitato il tutto, così come la mia qualifica di Seo Junior presa lo stesso anno. I presupposti c'erano davvero tutti e in pochissimo tempo avevo messo su un gran bel blog, eppure stavo dimenticando qualcosa: il progetto!!!

La mia storia insegna tanto a chi sa leggere oltre le righe: la passione è l'anima del progetto e non vi nego che costruire un progetto di blogging con il solo scopo di fare business potrebbe danneggiarvi. Tuttavia la passione come dico sempre non è tutto, le competenze in scrittura e web marketing devono essere acquisite tramite formazione specializzata ma il progetto quello deve essere vostro.

Prendete carta e penna, annotate tutto ciò che vi viene in mente. Fissate degli obiettivi, datevi delle scadenze, create un piano di business per realizzare il vostro blog.
Probabilmente queste parole saranno per voi una rivelazione. Magari eravate pronti ad abbandonare per sempre l'idea di fare blogging dopo svariati tentativi senza successo solo perché avevate fatto lo stesso errore che ho fatto io: la mancata progettualità
Non è troppo tardi: partite da quello che avete realizzato, analizzate punti di forza e di debolezza, scoprite cosa amano i vostri follower e cosa invece li annoia. Partite da li per progettare dei nuovi obiettivi.

Solo con la progettazione si può dare vita ad una vera e propria strategia di monetizzazione con il blog.


Professione Blogger: 5 errori da non fare




METTETECI LA FACCIA  senza se e senza ma.

Questo è stato per anni il MIO errore. Per troppo tempo ho avuto il timore di espormi come blogger. Ero insicura, indecisa e timorosa e così mi nascondevo, nessuno sapeva chi c'era dietro questo blog lifestyle. Le persone non mi conoscevano, non mi seguivano e non mi apprezzavano perché fondamentalmente non esistevo. 
Avevo dato uno stile di scrittura al mio blog assolutamente impersonale perché non credevo che qualcuno potesse affezionarsi a me o seguire Uptowngirl solo perché dietro c'era Sabina. Quel "solo" si è ben presto trasformato in un "esclusivamente".
Il successo del mio blog così come quello di pochi altri è dato dalla personalità del blogger che c'è dietro. 

"Non dicevo a nessuno di essere anche una blogger perché temevo di non essere capita e ancora peggio di essere penalizzata sul lavoro perché appunto classificata come blogger."

Non avevo capito che prima di essere blogger ero una professionista e come tale mi avvalevo dello strumento di blogging.


Probabilmente se non avessi commesso questi errori nel 2012 oggi sarei...non lo so, non me lo chiedo perché oggi sono esattamente dove voglio essere professionalmente e personalmente parlando. Ho iniziato a mostrarmi come professionista e come persona e sono orgogliosa di dirvi che oltre all'interesse verso i contenuti che produco le persone sceglie di leggerli perché si fida di me, perché ha imparato a conoscermi a condividere con me le mie passioni.

Mettersi in gioco fa sempre paura. Posso assicurarvi che il nemico più grande che dobbiamo combattere per raggiungere i nostri obiettivi siamo soltanto noi.
Volete vivere delle vostre passioni? E allora rimboccatevi le maniche e iniziate a pianificare il vostro successo!

E ora, parlo con te.
Analizzando il punto in cui sei arrivato, sai di stare commettendo uno di questi errori?
Che aspetti per correre ai ripari?
Sei un blogger professionista o aspirante tale? Forse ti interessa sapere che ho pubblicato una guida gratuita che spiega Come Guadagnare con un blog. 


Sabina Petrazzuolo

Italian Lifestyle Blogger - Nata sotto il legno del leone. Confusionaria e confusa, eclettica per dirlo elegantemente. Amante dei fiori e del colore rosso sogna una vita vista mare immersa nei colori dell'autunno e negli addobbi di Natale. Storica dell'arte, digital project manager e blogger, si occupa di formazione e consulenza per l'avvio di progetti digitali. Vive delle sue passioni e le racconta su Uptowngirl.it 

2 commenti:

  1. grazie per le dritte, anche io sono blogger da molti anni (ho iniziato fine 2010) e ho perso un sacco di occasioni per rendere questa mia passione più lavorativa e concreta.
    prendo atto e sistemo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti capisco, come ho scritto l'ho fatto anche io per molto tempo ma quando ho capito i miei errori ho iniziato un percorso in salita che non si arresta più. In bocca al lupo Cara!
      S.

      Elimina

Grazie per i vostri commenti!

//]]>