Passioni: come trovarle, coltivarle ed essere felici

pas·sió·ne
sostantivo femminile che fa venir la pelle alla sola pronuncia, che fa vibrare la lingua all'emissione di ogni singola lettera, che ferma il cuore e poi lo rianima alla velocità di un battito di farfalla.

Poesia, la passione è poesia. Una forma d'arte, di emozione e contemplazione.
"Momento o motivo della vita affettiva caratterizzato da uno stato di violenta e persistente emozione".

Che cos'è per voi la passione?



Passioni: come trovarle, coltivarle ed essere felici



Passioni: come trovarle

Non c'è una regola né un età per trovare e scoprire la passione nei confronti di qualcosa. Io stessa ci ho messo un po' per capire quali fossero le mie, per accettarle e seguirle ovunque mi portassero.


Sapete,
ho smesso di guardarmi indietro e colpevolizzarmi quindi non starò a dirvi quanto ho sbagliato a reprimere tutto quello che di emozionalmente produceva il mio cervello.
Vorrei raccontarvi piuttosto di come ho faticato per trovare le mie passioni, quando ero circondata da persone che vivevano per quelle: una sorella cantante, un fidanzato musicista, una migliore amica ballerina.
Io mi buttavo a capofitto in tutto ciò che facevo per appassionarmi, la verità e che poi c'era sempre qualcosa che mi distraeva e mi allontanava da quello che avevo iniziato.
Ho portato poche cose a termine nella mia vita, seppur con un certo orgoglio.


Ad un certo punto mi sono rassegnata. Ho pensato che non tutti siamo destinati ad avere qualcosa di grande in cui rifugiarci, in cui credere, in cui consolarci, in cui vivere.
"Va bene così", mi sono detta, "forse questa cosa della passione e sopravvalutata".


Ho continuato quindi a vivere la mia vita in una continua ricerca: il lavoro perfetto, la stabilità economica, gli affetti giusti. Ho vissuto tanti momenti di confusione e altri di vero sconforto finché poi ho preso la decisione di lavorare come freelance.

Così ho trovato poi la mia passione.


A 30 anni hai una consapevolezza diversa, riesci ad ascoltare quello che a volte hai paura di dire ad alta voce.
L'esperienza inoltre ti porta a dare adito ad altre voci, quelle della vita, se ci credete, che ti spiegano il suo scopo.


Tutti siamo chiamati a fare qualcosa e io, nonostante tutto avevo smesso di farmi travolgere dalle circostanze della vita che spesso ci portano a percorrere altre strade.
Il mio lavoro nella comunicazione, la scrittura che è sempre stato il legante tra studi, "passioni"e lavoro, iniziava a diventare un'ossessione per me.


Bellissima nei momenti più intensi, distruttiva nelle delusioni o nei confronti a muso duro.
Ovunque andassi, qualunque cosa facessi, sentivo la necessità di "scrivere delle mie passioni", di raccontare i miei viaggi, le mie storie e tutto quello che in questi anni di vita avevo imparato a conoscere.
Lo facevo per me.
Stavo bene.
Ero felice.

Dunque,
era forse questa la mia passione? 



Passioni: come trovarle, coltivarle ed essere felici


Passioni: come coltivarle ed essere felici

Passione o vocazione? Nel suo discorso alla Stanford University, Steve Jobs ha spiegato che per scoprire cosa si è destinati a fare bisogna "collegare a ritroso i puntini".

Probabilmente, più tardi iniziate a collegare i puntini, più precisa è la risposta ma più tempo si è perso.
In ogni caso, non c'è un momento sbagliato per iniziare, è la vita che lo chiede e dobbiamo solo trovare il coraggio di ascoltarla e iniziare ora!


Probabilmente,
se siete arrivati fino a questo punto è perché avete delle passioni, avete già trovato le vostre ma non sapete come coltivarle, come prendervene cura.
Dannato tempo che ve le fa trascurare, non è vero?


Una passione per essere coltivata ha bisogno di tre cose:
- curiosità continua nei suoi confronti e in tutto ciò che le ruota intorno,
- coinvolgimento (se ti capita di perderti totalmente quando ti dedichi alle tue passioni, vuol dire che lo stai facendo bene)
- tempo


Il tempo è un grande nemico delle passioni. Lo è in parte per me, che vivo delle mie passioni. Lo è per chi, per scelta o necessità vive di altro.

Tuttavia per coltivare le proprie passioni c'è un metodo, come tutte le cose.
La prima cosa da fare è porsi un obiettivo.
Perché avete scelto di coltivare quella passione? Dove può portarvi?


Coltivare le proprie passioni richiede tanto tempo. Dopo aver definito un obiettivo è il caso di capire quanto tempo delle proprie giornate si è disposti a ritagliare per coltivare le proprie passioni, il passo successivo potrà essere quello di dedicarcisi a tempo pieno.


No, non sto dicendo che al momento dovete lasciare il lavoro per dedicarvi alle vostre passioni, ma di dedicare tutto il tempo che avete a vostra disposizione per capire se questa può portarvi poi a trasformare la vostra passione in professione, come è successo a me e agli allievi di Professione Blogger.

Leggi anche: Vivere delle tue passioni, anche tu puoi.


La mia storia insegna tante cose,
i miei errori ancora di più.


Non posso dirvi se è giusto dedicare tutto il tempo che vi rimane per dedicarvi alle vostre passioni. Se è corretto trascurare amici, findazato/a e famiglia, perché si, spesso capiterà.
Ma posso dirvi che la consapevolezza di trovare quello per cui la vita ci ha destinato, ripaga tutto.
E rende felici.




Non chiedere di cosa c'è bisogno. Chiediti cosa ti fa sentire vivo e fallo. Di quello c'è bisogno. H. Thurman


Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo ora





UNISCITI A #PROFESSIONEBLOGGER, la prima community Italiana dedicata alla nostra professione. Ci trovi anche su Instagram @Professioneblogger


Se sei un blogger e vuoi imparare a vivere delle tue passioni ti consiglio di leggere questo articolo;
Se vuoi scoprire chi sono io e cosa faccio ti aspetto qui: Nuovo? Comincia da qui;
Se vuoi restare in contatto con me, iscriviti alla newsletter, niente spam, giuro, lo odio quanto te :)

Sabina Petrazzuolo

Italian Lifestyle Blogger - Nata sotto il legno del leone. Confusionaria e confusa, eclettica per dirlo elegantemente. Amante dei fiori e del colore rosso sogna una vita vista mare immersa nei colori dell'autunno e negli addobbi di Natale. Storica dell'arte, digital project manager e blogger, si occupa di formazione e consulenza per l'avvio di progetti digitali. Vive delle sue passioni e le racconta su Uptowngirl.it 

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per i vostri commenti!