Rassegnazione? Ogni sconfitta nasconde una lezione

Qualcuno crede che perdere l'amore sia un dramma, di vita, io sono fermamente convinta che la vera sconfitta sia perdere se stessi e non ritrovarsi.

Rassegnazione? Ogni sconfitta nasconde una lezione


Sono sempre stata incline ai fallimenti, personali e professionali, senza quelli del resto, come potremmo crescere e maturare? Come potremmo diventare noi stessi.

Rita Levi Montalici
diceva che nella vita non bisogna mai rassegnarsi e arrendersi alla mediocrità, piuttosto uscire da quella zona in cui tutto è abitudine e rassegnazione passiva.

E questa è una verità che si applica ad una moltitudine di campi, anche quello sentimentale.

Perché vedete, io sono stata temprata al dolore e finisce, inevitabilmente che ci si abitua a quella condizione di sofferenza interiore, nell'errata credenza che siamo destinati a quella vita che manca di felicità e serenità.
Questa è rassegnazione, questa è una sconfitta da cui non impariamo niente.

Quando nella nostra testa si insinua quel maledettissimo tarlo che ci dice "sarà sempre così", ci rassegniamo, e se per caso, sulla nostra strada passasse quell'unica cosa bella che non stavamo neanche più aspettando, semplicemente, noi non la riconosciamo.
Perché non siamo predisposti alle cose belle, non sappiamo accettarle e viverle, quel tarlo ci allontana dalla realtà.


Non è un caso che quando si vive nella rassegnazione, ci si lascia a delle situazioni complesse, perverse, relazioni che sanno soltanto farci ancora più male.

Quando ci sentiamo rassegnati, abbiamo ormai rinunciato a combattere, subendo passivamente la situazione. Ci rifiutiamo di affrontare il dolore della rinuncia, non lo attraversiamo e perdiamo così la nostra capacità di reagire.

Le sconfitte fanno parte dalle vita, ma non si tratta di vincere o perdere, ma di imparare, come l'acqua, a continuare a fluire, anche di fronte ad uno ostacolo che riteniamo insormontabile.

Interiorizzare i sentimenti, guardarli con lucidità ci insegna a focalizzarci sulla soluzione e non sul problema.

Non c'è niente di male a cadere, l'importante è non rimanere a terra. Anche se la rassegnazione è apparentemente il modo più semplice di accettare quello che ci accade, non è l'unico che esiste. Ce ne sono molti altri, alcuni davvero bellissimi, che portano alla felicità.

Sabina Petrazzuolo

Nata sotto il legno del leone. Confusionaria e confusa, eclettica per dirlo elegantemente. Amante dei fiori e del colore rosso sogna una vita vista mare immersa nei colori dell'autunno e negli addobbi di Natale. Storica dell'arte, digital project manager e blogger, si occupa di formazione e consulenza per l'avvio di progetti digitali. Vive delle sue passioni e le racconta su Uptowngirl.it

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per i vostri commenti!

//]]>