Met Gala 2014: Charles James e il nuovo retrò

La notte più attesa del fashion system si è appena conclusa e sul web impazzano i commenti dei bloggers e le foto più belle scattate dal tappeto rosso: è il Met Gala 2014, aka The Costume Institute Gala o Met Ball, tenuto ogni anno al Metropolitan Museum Of Art di New York. 

Centro dell’evento di quest’anno è stata la mostra dedicata al fashion designer Charles James, dal titolo “Charles James: Beyond Fashion”, dall’ 8 maggio al 10 agosto 2014 nei nuovissimi spazi dell’Anna Wintour Costume Center, inaugurati lo scorso lunedì 5 maggio da Michelle Obama in persona dopo un lungo periodo di restauro. 

Se il tema in onore del couturier inglese, famoso per la spinta progressista che le sue creazioni diedero alla moda degli anni ’30 e ’40, non ha suscitato l’interesse sperato, ha sicuramente condizionato il chiacchierato dress code della serata. In molte hanno diligentemente rispettato il tema couture e jewel-tone sfoggiando abiti sfarzosi -come l’abito di Givenchy tempestato di cristalli neri indossato da Beyoncè o lo Chanel della collezione autunno/inverno 2013 del direttore di Vogue U.S. Anna Wintour-



 e scultorei – come l’abito duo-chrome di Zac Posen splendidamente portato dalla diva del burlesque Dita Von Teese o il Calvin Klein rosso indossato da Anne Hathaway-.



Ma non sarebbe un vero evento mediatico se non ci fossero colpi di scena. Tante, infatti, sono state le celebrities che hanno scelto di andare controcorrente e tener fede al proprio stile, come Marion Cotillard e Michelle Williams, entrambe elegantissime in abito corto Dior e Louis Vuitton, o la ribelle Rihanna, che nemmeno sul tappeto rosso rinuncia al suo lato sexy, indossando un luminoso abito di Stella McCartney che mostra l’addome scoperto.








Ma il red carpet non è stato solo colori sgargianti e luccichii: gli abiti principeschi di Sarah Jessica Parker e Hailee Steinfeld e i modelli a sirena di Charlize Theron –raggiante accanto al nuovo compagno Sean Penn-  e di Victoria Beckham si sono perfettamente adeguati al più rigido White Tie imposto agli uomini. 



Eccezion fatta per i pochi outfit discutibili, -tra cui l’eccessivo abito gioiello di Prada indossato dalla bellissima Lupita Nyong’o o il Dolce&Gabbana nero forse un po’ troppo striminzito per le forme abbondanti della modella Kate Upton- il Met Ball di quest’anno è stato un trionfo di eleganza e ha di gran lunga superato le basse aspettative del pubblico, reduce dalle eccentriche esibizioni dell’edizione a tema punk 2013. 
Un red carpet sobrio ed indimenticabile fatto di haute couture, acconciature sofisticate e make up retrò come non si vedevano da tempo, senza rinunciare a qualche curiosa rivisitazione.

                                                                                                                                            Simona Scardino

  
                                                                                                                                                               

Simona Scardino

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per i vostri commenti!