Cos’è la certificazione Icea?

Ormai i cosmetici eco-biologici hanno trovato piena diffusione, al supermercato o in bio-profumeria, possiamo reperirli facilmente.



Chi acquista però deve imparare a conoscere le etichette e a capire la tipologia del prodotto che ha difronte.
Spesso leggiamo:” privo di…”, “0% di…”, “naturale al 95%” ecc. ma non è detto che questi cosmetici siano eco-bio, invece potrebbero essere solamente privi di certi ingredienti, e non di altri ugualmente dannosi, infatti per essere eco biologici devono avere una certificazione che lo attesti e ce ne sono di vari tipi.

Per la nostra rubrica Eco/Bio (potete leggerla qui) vediamo insieme forse la più famosa, ossia la certificazione Icea





La sigla significa: Istituto di certificazione Etica e Ambientale. È un istituto italiano, ma certifica anche prodotti esteri, non solo cosmetici ma anche prodotti alimentari, tessili, prodotti riciclati, edilizia, biocarburi e bioliquidi.







I cosmetici eco biologici certificati da questo istituto sono:
-Privi di sostanze chimiche dannose per l’uomo, gli animali e l’ambiente;
-Sottoposti a rigidi controlli su ingredienti e prodotto finito;
-Sottoposti a test dermatologici e microbiologici che garantiscono la qualità degli ingredienti.

Icea inoltre analizza il processo produttivo che ha portato alla realizzazione del cosmetico, che è un aspetto spesso sottovalutato, in quanto anche in base al processo di trasformazione degli ingredienti si possono sviluppare sostanze dannose.



Perciò questa certificazione costituisce una sicurezza maggiore per il consumatore.


Quindi attenzione alle etichette: un prodotto certificato Icea sarà sicuramente eco-bio, con numerosi controlli che lo attestano e non semplicemente un prodotto naturale o con ingredienti naturali.

Vincenza Cesarano

Laureata in Economia e Management presso l’università di Pescara, Vincenza è appassionata di tutto ciò che riguarda la bellezza: dalla cura del viso al make-up, dalla cura del corpo a quella dei capelli passando attraverso il mondo dell’eco-bio. Si cimenta spesso nella preparazione di rimedi fai-da-te e nella lettura di inci, analizzando le peculiarità dei componenti nei cosmetici. Riesce anche a conciliare le altre sue passioni: telefilm e cucina (soprattutto pasticceria). Il suo più grande difetto? È anche il suo pregio migliore: la testardaggine!

2 commenti:

Grazie per i vostri commenti!