Le borse firmate più amate di sempre

Stilare un elenco delle borse firmate più amate di sempre vuol dire avventurarsi in un viaggio a ritroso nel tempo e immergersi - anche se solo in senso metaforico - in atmosfere vintage, tanto romantiche quanto affascinanti. Si tratta di un viaggio che non può non avere come punto di partenza la borsa concepita e messa a punto da Hermés apposta per Jane Birkin, celebre attrice francese che ha scritto la storia del cinema europeo e non solo: caratterizzata da una forma speciale, essenziale ma al tempo stesso versatile, è stata proposta in una grande varietà di versioni, che non hanno escluso pellami pregiati e colori vitaminici. Alla sua leggenda ha contribuito anche Kim Cattrall - o, per meglio dire, la Samantha Jones della serie tv Sex And The City - che ha cercato di sottrarre un modello a Lucy Liu.




Scorrendo la storia delle borse firmate più amate di sempre, poi, ci si imbatte nella Bagonghi di Roberta di Camerino, senza dubbio la prima it-bag in grado di raggiungere un successo stellare: si tratta di una mini borsa a mano caratterizzata da un rivestimento in velluto a righe che, anche per merito del suo look, per lungo tempo ha rappresentato un simbolo delle donne appartenenti alla nobiltà e all'aristocrazia. Oggi è senza dubbio uno degli esempi di maggior pregio del Made in Italy in questo settore, e nei negozi vintage di ogni angolo del globo è ricercata da giovani e meno giovani, fashion blogger e addette ai lavori.
Come dimenticare, ancora, in questa rassegna la splendida Speedy proposta da Louis Vuitton? Il bauletto risalente agli anni Trenta, in tela Monogram e Damier, sin dalla sua prima apparizione è diventato il baluardo e l'emblema delle globetrotter, anche se poi ha dovuto subire la "rimonta" della Neverfull, una creatura di casa LVMH che è stata in grado a sua volta di ottenere riscontri positivi in tutto il mondo. Con conseguenze negative inevitabili ma facili da immaginare, visto che si sta parlando della shopper più falsificata (certo è che solo i modelli originali possono vantare la tracolla in pelle di vacchetta). Tante le qualità che la rendono così amata, a cominciare dalla compattezza della sua struttura, completata con una chiusura a scatto, mentre l'effetto matelassé assicurato dal rivestimento in pelle è sinonimo di eleganza e raffinatezza. Insomma, Neverfull è senza ombra di dubbio un'icona per tutte le donne dell'alta società, dagli anni Cinquanta agli anni Ottanta.

Infine, merita una menzione d'onore la Jackie di Gucci, che è stata creato in omaggio a Jackie Onassis Kennedy, una delle First Lady degli Stati Uniti più conosciute e più controverse. Nel 2010, per altro, è stata presentata anche la New Jackie, in un'edizione a dir poco limitata composta da meno di 40 pezzi. 


Sabina Petrazzuolo

Lifestyle Blogger - Segni particolari: Ecclettica. Classe 1988, storica dell'arte e esperta di comunicazione digitale, amante dei viaggi, della moda e della cultura.
Delle mie passioni ne ho fatto un lavoro e dopo anni di formazione ed esperienze professionali attualmente lavoro come freelance seguendo startup e aziende di settore. Nel "tempo libero" mi dedico alla scrittura, oltre a scrivere ed editare articoli su Uptowngirl Blog collaboro con testate giornalistiche e magazine. Mi trovate con un macbook in una mano e la valigia nell'altra, pronta a scoprire nuovi luoghi, tradizioni e culture, conoscere nuova gente e nuovi sapori.

Ho trasformato la mia vita in una storia che racconto ogni giorno su Uptowngirl.it

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per i vostri commenti!